LA FINESTRA: Com'è fatta? - Struttura e Materiali

 

STRUTTURA
Per meglio comprendere e valutare un finestra è opportuno capire come è fatta e quali opzioni sono disponibili. Ciascuna soluzione ha una specificà finalità e risponde ad esigenze precise.

Negli infissi attuali, i profili sono estremamente sottili per ottenere un effetto tutto vetro che risponde sia ad esigenze estetiche che di massimizzazione della luminosità. Importa che il vetro eviti il più possibile le dispersioni d'inverno e non faccia entrare il caldo d'estate. Allo stesso tempo è necessario usare vetri certificati, con qualità anti-infortunistiche. Si rimanda ad uno specifico articolo per approfondimenti sui vetri.

 

 

In una finestra sono i materiali che fanno la differenza.
L'allumino è indeformabile, resistente e durevole, non richiede particolare manutenzione. Il materiale, però, è ad alta conducibilità termica, così è bene assicurarsi che si scelga un infisso con il c.d. taglio termico. Il taglio termico è un sistema di camere interne e guarnizioni che interrompe la dispersione del calore.

Il legno che si usa per realizzare le finestra è del tipo lamellare, costituito da più strati, affinché abbia elasticità e indeformabilità. Garantisce estetica e un buon isolamento termico. Il matriale richiede un elevato livello di manutenzione.

Il PVC è uno dei materiali migliori per l'isolamento termico, spesso superiore a quello del legno. Per migliorarne la resistenza vengono spesso usati rinforzi in acciaio utili ad impedire deformazioni. Il materiale è ideale per località costiere ed alpine. La manutenzione è minima. La disponibilità di colorazioni, proprio per la natura del materiale, è meno ampia rispetto ad altre soluzioni.

Per aumentare le prestazioni e la resa estetica vengono usate accoppiate di materiali differenti. Le combinazioni di alluminio legno e legno alluminio sono tra le più riuscite per le capacità isolanti, la resistenza, la robustezza e la tenuta agli eventi atmosferici.

 

 

Cerca